Goditi le calette di Minorca, lo spettacolare paesaggio via mare, ottenendo in poche ore la licenza ufficiale di navigazione e divertiti con l’esperienza che ti offriamo!

Proponiamo un piano per diventare un capitano ufficiale o un pirata con tre esperienze di seguito:

la prima esperienza (E1) navigando da soli e/o con un massimo di 4 amici in più, sulla nostra barca Mareti 450 SIN, che può essere presidiata senza patente.

La seconda esperienza (E2) è uscire con la nostra barca scuola Lunamar e l’insegnante patron che ti insegna per mezza giornata.

la terza esperienza (E3) è il giorno successivo quando puoi navigare con una qualsiasi delle barche da 6 m che ti permettono di raggiungere qualsiasi punto dell’isola via mare.

licenza di navigazione

ottenere in un giorno tu Patente di navigazione , che ti permetterà di controllare barche a vela ea motore fino a 6 metri di lunghezza , in navigazione diurna, senza spostarsi a più di 2 miglia da un porto e con la potenza adeguata all’imbarcazione (fino a 55 cavalli nel caso di movimentazione di moto d’acqua di classe C).

Consulta il programma di teoria e pratiche:
Nelle due ore di teoria verranno impartite conoscenze su:

  • Limitazioni alla navigazione su spiagge non segnalate e segnalate e relativi canali di accesso.
  • Regolamentazione in materia di traffico marittimo e navigazione interna nei porti.
  • Segnalazione: segni laterali della regione A.
  • Stabilità: Governo per evitare equilibri e capi e importanza di non attraversare il mare.
  • Regole da 4 a 8, da 11 a 19 e 37, rotta e virata e segnali di pericolo, del Regolamento Internazionale per la Prevenzione delle Collisioni
  • Nozioni di base per l’uso di una stazione radio portatile VHF, limitata al canale 16, uso in caso di emergenza e comunicazioni di routine di base, nonché come contattare Salvamento Marítimo (canale 16 e numeri di telefono 112 e 900 202 202).
  • Nelle pratiche di 4 ore verrà impartito il seguente addestramento: Sicurezza e controlli prima di prendere il largo; motori; gestione delle corde e dei nodi di base; manovre in porto; ancoraggio; manovre di sicurezza.

CONTENUTO DEL CORSO

1. Sicurezza e controlli prima della partenza:

  • Uso del giubbotto di salvataggio e riconoscimento dei suoi elementi. Importanza della sua vestibilità e posizionamento. Razzi manuali, precauzioni di manipolazione e spiegazione del loro uso. Gestione del corno da nebbia e dell’eliografo. La pompa di sentina. Il kit di pronto soccorso di bordo e il suo contenuto.
  • Rivedere i punti critici della barca: rubinetti di fondo, clacson, serratura del timone, oblò e altre aperture nello scafo. Controlli prima della partenza: stato generale dell’imbarcazione, sentina, controllo dei vuoti, livello carburante, acqua potabile, carica della batteria. Verifica del numero massimo di persone a bordo e della validità degli elementi di sicurezza.

2. Motori

  • Motori fuoribordo: particolarità e precauzioni nella movimentazione. Controlli prima dell’avviamento del motore: assenza di atmosfere esplosive, livelli, punto morto e carica della batteria di avviamento. Allarme riscaldamento e livello olio. Controlli avviamento motore e funzionamento pompa di raffreddamento, colore fumo scarico e rumore motore, sistemi uomo a mare.
  • Propulsione a getto: caratteristiche, accelerazione del grilletto e precauzioni per la zona della pompa e dell’ugello (possibili lesioni personali).

3. Corda

Precauzioni nell’uso delle corde. Nodi di base: intoppo, bolina, chiodi di garofano. Spiegazione dei suoi usi. Modo di rendere stabile una fune in bitte e bitte.

4. Manovre

  • Precauzioni prima di lasciare l’ormeggio: altre barche, ostacoli o cime in acqua. Manovra di sgancio a seconda del vento e della corrente. Effetti della rotazione dell’elica sulla manovra. Evoluzione che va avanti e indietro. Ciaboga. Curva di evoluzione. Velocità di sicurezza. Angoli di visuale e manovre in punta di pontili e altri luoghi privi di visibilità.
  • Riconoscimento dei punti di ormeggio a terra. Preparazione degli ormeggi a bordo. Posizionamento difese e precauzioni quando ci si avvicina. Approccio di attracco. Gancio utilizza. Uso gli ormeggi: lunghezze, traverse e sprint. Modo di ormeggio a bitte, bitte e anelli. Funzione di ormeggio del vento e della corrente.

5. Finanziamento

Fattori per la scelta dell’ancoraggio: riparo, vento, corrente e forcella. Ancoraggi in sabbia, fango e ghiaia, particolarità. Lunghezza della catena a seconda del fondale e delle condizioni del mare e del vento. Rendi stabile l’ancora. Pesare. – Precauzioni con bagnanti e subacquei: In avvicinamento e in uscita dall’ancoraggio, all’avviamento del motore all’ancora.

6. Manovre di sicurezza

Individuazione dei diversi rischi di caduta in mare. Come procedere in caso di uomo in mare.